Lavori Consulta del 26/27 Marzo – FISE VENETO

Lavori Consulta del 26/27 Marzo

<< indietro
 
I Presidenti Regionali hanno condiviso nella seduta del 27 con il Commissario Ravà le seguenti linee di lavoro:
Modifiche Statutarie: Verranno valutate dalla commissione appositamente istituita, di cui faranno parte Presidente e Vicepresidente della Consulta,  le disposizioni relative alle modalità di esercizio del voto.
In particolare, si valuterà l'abolizione totale o parziale delle deleghe e la costituzione di collegi elettorali territoriali onde consentire la massima democratica espressione di partecipazione degli aventi diritto al voto.
Verrà,  inoltre, valutata l'introduzione di un quorum per la validità delle assemblee in seconda convocazione.
Verranno, altresì , valutati i necessari adeguamenti delle norme di attuazione conseguenti  all'introduzione della  suindicata modifica delle norme dello statuto.
Stante il limitato intervento delle variazioni – peraltro, condiviso dal territorio-e tenendo conto del notevole risparmio di tempo e di costi,  è stata proposta la modifica d'ufficio da parte del Coni.
In caso di non percorribilità di tale procedura,  dovrà essere convocata una assemblea straordinaria per la modifica delle norme statutarie di cui sopra.
Dopo  l'approvazione da parte  del Coni potrà essere indetta l'assemblea straordinaria elettiva con applicazione  delle nuove norme introdotte per la votazione.
Situazione economico-finanziaria:
Entro aprile verrà approvato dal Coni il bilancio consuntivo 2012.
Successivamente (maggio), quello consuntivo 2013.
È stato anticipato che l'ammontare del deficit Fise è di circa 9 milioni di euro, rilevando che gran parte di tale importo è costituto da riserve  per eventuali esiti negativi dei numerosi contenziosi pendenti.
Nel mese di aprile il Subcommissario De Nigro incontrerà il presidente e vice presidente della consulta per concordare le possibili ipotesi di risanamento della federazione.
Il Commissario Ravà ha anticipato che suo malgrado per portare a termine le attività oggi esaminate dovrà presumibilmente richiedere una ulteriore proroga del commissariamento.
Si fa presente che ai lavori della Consulta è intervenuto il presidente del coni Malagó al quale i presidenti regionali hanno rappresentato e precisato le richieste provenienti dalla base e condiviso le linee suesposte.