PONYADI: L’OLIMPIADE DEI PICCOLI

ponyadidi Umberto Martuscelli per FiseVeneto

Le Ponyadi ormai non sono più da considerare una ‘semplice’ manifestazione: sono a tutti gli effetti un evento. Uno di quei momenti in cui non solo i protagonisti diretti (cioè i bambini e i pony) ma anche tutti coloro i quali vi gravitano intorno a vario titolo – tecnici, genitori, dirigenti – vengono catapultati in una dimensione di vita e di sport nella quale lo scopo primario e principale è essere lì, insieme a tutti, per fare quello che in quell’arco di quattro giorni si sta facendo. Dimenticando tutto il resto. Quest’anno alla Play Horse Farm di Alviano sono arrivati 825 ragazzini e 700 pony provenienti da diciassette regioni: numeri davvero impressionanti! Il Veneto come sempre si è fatto grande onore riportando quattro medaglie d’oro, cinque d’argento e quattro di bronzo. Le medaglie d’oro sono state conquistate nella gimkana B1, nel carosello B2, nel volteggio categoria F a squadre, e ancora nel volteggio in categoria E a squadre; quelle d’argento in dressage, gimkana A3 a squadre, presentazione A2, presentazione B1, e nella prova di cultura; quelle di bronzo nella gimkana A1, in jump 40 B1, jump 40 B2, carosello A2. I centri veneti che sono stati presenti ad Alviano con i loro allievi sono stati il Rango Stable (tecnico Caterina Penner), Riding Club Valpolicella (Sofia Dalla Meriga, Caroline Bissinger), Scuderia AZ (Davide Acerbi), Centro Equestre della Rosa (Lea Lizier, Raffaella Caropreso), Centro Equestre Villa Bassi (Paola Valgimigli), Cavalieri delle Zorle (Francesca Pravato), Centro Ippico Il Muretto (Laura Perbellini), Centro Ippico Le Palme (Augusta Serenelli), Centro Ippico Vola con Pegaso (Giuliana Fabris), Il Cavallo è Vita (Fabiano Capovilla).